CONSIGLIO DIRETTIVO 2014

VERBALE DELL’ASSEMBLEA ORDINARIA DEL DIRETTIVO HARAMBEE IN DATA 
02 maggio 2014
In data 02 maggio 2014 alle ore 15,00 si è riunito in seconda convocazione presso la sede dell’Associazione sita al primo piano del condominio San Giovanni in Barge, Viale Mazzini, 22 ,
il Direttivo di Harambée per discutere e deliberare sui seguenti argomenti all’odg:
1. Lettura verbale della seduta precedente
2. Nomina Vice-Presidente
3. Predisposizione bilancio consuntivo al 31/12/2013
4. Convocazione Assemblea annuale per approvazione del bilancio al 31/12/2013
5. Relazione del segretario sull’andamento progetti in Kenya
6. Approvazione iniziative Harambèe Kenya
7. Approvazione e suggerimenti sul progetto per la costruzione del dormitorio in Nyariginu, cofinanziato dal “Rotaract” di Torino
8. Sito dell’Associazione (proposta)
9. Invio di un container in Kenya, aiuto per la preparazione nel mese di agosto
10. Acquisto auto per Harambèe Kenya
11. Varie de eventuali

Sono presenti:
Ramasco Piergiovanni
Aimar Domenico
Aimar Giovanni
Di Grazia Donata
Jourdan Bruno
Beghin Gachuhi Maria in collegamento Skype da Padova

All’unanimità dei presenti si è nominato Presidente dell’assemblea il Signor Jourdan Bruno e Segretario la signora Di Grazia Donata.
Il Presidente accertata sia la regolarità della convocazione, che la presenza del numero legale dei componenti il Direttivo, ha dato inizio alla discussione sugli argomenti di cui all’odg:

1) Lettura ed approvazione del verbale della seduta precedente
Per ricordare la deliberazione della seduta precedente, il Direttivo decide di rileggere il verbale che all’unanimità approva.
2) Nomina Vice-Presidente
A seguito delle dimissioni di Giovanni Casalis, il Direttivo ha deciso di nominare al suo interno il nuovo Vice-Presidente.
Vengono avanzati i nomi di Jourdan Bruno e di Beghin Gachuhi Maria. All’unanimità si decide di nominarli tutti e due, uno in quanto è nelle vicinanze di Barge e l’altro perché è fuori del territorio e precisamente a Padova; questo proprio per avere una forte rappresentanza in quel territorio.
I due nuovi eletti accettano la carica istituzionale.
3) Predisposizione bilancio consuntivo al 31/12/202013
Il Presidente Ing. Piergiovanni Ramasco, dà le informazioni per la predisposizione al bilancio consuntivo 2013, di cui viene approvata la bozza e all’unanimità si dà mandato allo Studio Broardo di preparare la relazione definitiva da far approvare dall’Assemblea Generale nella prossima riunione.
4) Convocazione Assemblea annuale per approvazione bilancio al 31/12/2013
Il Direttivo all’unanimità decide la data per la convocazione dell’Assemblea generale dell’Associazione per il giorno 31 maggio c.a. Per l’occasione verrà predisposta una costinata offerta da Albarea Italo e Aimar Rinuccia; tutti i membri dell’Assemblea sono invitati con rispettivi coniugi e/o amici.
5) Relazione del Segretario sull’andamento progetti in Kenya
Il Segretario Domenico Aimar ha relazionato circa l’andamento dei progetti della “Harambée Together For Development” in Kenya
•Orto Sperimentale
Purtroppo per problemi del personale locale dovuto a contingenza e intergerenza sull’organizzazione, l’orto era totalmente abbandonato, si è dovuto quindi ripartire da zero. Si è passati all’assunzione del giardiniere precedente e l’orto è ripartito alla grande, alla mia partenza, nonostante non sia piovuto per tre mesi, era tutto verde e fiorente.
•Apicoltura
La siccità prolungata non ha favorito la raccolta del miele e le api hanno mangiato tutta la scorta, sono state alimentate e non vi è stato esodo.
Si spera nella ripresa appena arriverà la stagione delle piogge.
•Coniglicoltura
Abbiamo dovuto ripristinare tutto l’allevamento secondo il criterio precedente, in quanto la modifica voluta da altri, ha dato pessimi risultati.
Si sono modificate e riparate le gabbie e tutto il ciclo riproduttivo è ripartito.
I visitatori sono rimasti entusiasti tant’è che un allevatore di Haromoro ha ordinato la costruzione di ben 10 gabbie per l’ingrasso modificando il sistema dallo stesso adottato in precedenza.
•Work Shop – Falegnameria
-si sono riparate e modificate le gabbie dei conigli
-si è costruito una vetrina armadio per gli attrezzi dell’apicoltura
-si sono costruiti dieci “cacters boxs” per apicoltura
-si è iniziata la costruzione delle gabbie per l’allevatore di Haromoro
-si è abbinato John Maina un altro ragazzo per insegnare il mestiere di falegname
Il denaro ricavato serve a contribuire al mantenimento della struttura dell’Associazione
•Muratori
-sono venuti due ragazzi per imparare a costruire i blocchi in cemento e sono rimasti una settimana
-si è sperimentata la pressa per la costruzione dei mattoni in terra cruda, presente Beppe Boasso costruttore della pressa. Si sono apportate piccole modifiche per favorire l’espulsione del mattone. Il risultato è stato eccellente e molti visitatori chiedono di conoscere il prezzo di vendita
•In generale
Sulla base del buon andamento dei lavori, si sono stipulati i seguenti contratti ai lavoratori:
-un anno per il guardiano notturno
-tre mesi per John Maina e Peter Mwangi
-contratti temporanei per la segretaria Pauline, le cuoche Mary e Hadija per la pizza
Alla data del mio rientro in Italia ognuno dei dipendenti era responsabile del proprio settore.
Controllo e contabilità sono state affidate a Peter Mwangi

•Scuola Muratori “ KEITA TECHNICAL TRAINING CENTRE”
Si è iniziata la scuola dei muratori denominata “Keita Technical Training Centre” dove attualmente sono tre gli allievi sotto la guida di Peter Mwangi
6) Approvazione iniziative Harambée Kenya
Si sono iniziati i lavori nel terreno di Nyariginu proprio in funzione della scuola dei mestieri
Si è fatto lo scavo per la costruzione di una vasca in terra per la raccolta dell’acqua piovana della capacità di 750 mc
Si è trasferito la terra di scavo dal terreno di Nanyuki al terreno di Nyariginu. Il costo dello scavo, senza la guaina è stato di Kshs 42.000,00 a carico di Harambèe Kenya, mentre il costo del trasporto della terra è stato di Kshs 50.000,00 a carico di Domenico Aimar.
Nel mese di giugno si dovrà impermeabilizzare la vasca con la posa della guaina.
Si dovrà inoltre scavare il pozzo per avere acqua potabile, il costo presunto è di Kshs 50.000,00
Per fare tutti questi lavori si dovrà inviare soldi da Harambèe Italia ad Harambée Kenya, ma come si evince dai depositi bancari e dalla raccolta fondi sarà impossibile, quindi dovrà essere a totale carico di Harambèe Kenya.
Il Direttivo approva i lavori fatti ma non si impegna per i lavori da eseguire in futuro.
7) Approvazione e suggerimenti sul progetto per la costruzione del dormitorio in Nyariginu, cofinanziato dal “Rotaract” di Torino
costruzione del dormitorio / refettorio a Nyariginu
Questa struttura è necessaria per proseguire con il progetto della scuola dei mestieri (KEITA TECHNICAL TRAINING CENTRE) in quanto senza una struttura per il “bording” la scuola non può avere futuro. Ben vengano finanziatori esterni . Il Direttivo approva l’iniziativa che dovrà essere tra Harambèe Kenya e Rotaract.
8) Sito dell’Associazione (proposta)
Domenico propone di intervenire sul sito di Harambèe per renderlo più leggibile e nello stesso tempo aggiornarlo con facilità. Si dà incarico a Monica Bresadola ed il costo sarà interamente a carico di Domenico, in quanto Harambèe non dispone di liquidità.
9) Invio di un container in Kenya, aiuto per la preparazione nel mese di agosto
I componenti l’assemblea si domandano se ne vale la pena e si rimanda il tutto al prossimo Direttivo.
10) Acquisto auto per Harambèe Kenya
Domenico informa il Direttivo di voler comprare un’auto in Kenya, in quanto non ritiene più logico di dover sempre muoversi con mezzi pubblici. Rende noto che, per motivi fiscali invierà il denaro tramite Harambé Italia e che acquisterà un’auto usata da intestare ad Harambée Kenya, ma di fatto il mezzo sarà di Domenico e verrà usato anche per fini istituzionali ma che di fatto sarà si Sua proprietà.
Il Direttivo prende atto, in quanto non grava sul bilancio di Harambée ed approva l’iniziativa.
11) Varie ed eventuali
Data l’ora tarda, si chiude la riunione con l’informazione di Domenico circa le spese del magazzino in Via Giolitti.
Informa di aver chiesto al Proprietario Signor Amè , la riduzione del canone di affitto da € 140,00 a € 100,00 mensili. La proposta non è stata accettata, pertanto propone di lasciare e rimuovere tutto entro la fine del 2014.
Nel frattempo si è già data disdetta al contratto ENEL.
Le spese sono illustrate, in allegato ed ammontano a € 2.920,00 contro un incasso di € 1.845,00 (previsione su base 2013)
Il Direttivo non fa che approvare con rammarico, ma senza proporre soluzioni.
Esauriti gli argomenti all’odg il Presidente chiude i lavori alle ore 20,00 circa.
COSTO MAGAZZINO Via Giolitti anno 2013

ENEL                      €    460,00
Affitto 100 x 12 € 1.200,00
Ass.ne furgone   €     625,00
Bollo                       €        55,00
Gasolio                  €      100,00
TOTALE SPESE ANNUE € 2.440,00

INCASSO MERCATINI RIUSO € 1.845,00

 

Lascia un commento