Progetto Scuola Professionale per Muratori

Titolo del progetto: “Keita technical training centre, Scuola Professionale per la formazione di tecnici edili (KE = Kenya; ITA = Italia)”

Ente proponente: Harambee Insieme per lo Sviluppo ONLUS

Partner del progetto: Harambee Together for Development Organization NGO

Istituzioni locali partecipanti al progetto: Municipalità di Nanyuki – Ministero dello Jouth Affaire – Jouth Polytecnic di Nanyuki

Settore: Il progetto è inserito nel settore formativo con impatto diretto nel settore economico, industriale, artigiano, agricolo e della costruzione

OBIETTIVI GENERALI Promuovere lo sviluppo socio-economico formando giovani artigiani dando le conoscenze necessarie a garantire una buona specializzazione nella scienza delle costruzioni, sia sul profilo teorico che su quello pratico con il metodo  “Learning by doing”

OBIETTIVI SPECIFICI Formare sei  giovani tecnici edili qualificati ogni anno, da inserire nel mondo del lavoro con capacità tecniche e gestionali per cantieri edili

RESPONSABILE DEL PROGETTO Domenico Aimar (geometra, libero professionista in pensione, con esperienza nel campo del volontariato fin dal 1975 in Africa e America Latina)

DATA INIZIO PROGETTO Gennaio 2014

DATA CONCLUSIONE DEL PRIMO CORSO SCOLASTICO Dicembre 2015

DURATA DEL PROGETTO Anni due

COSTO  DEL PROGETTO  (per avvio della scuola di specializzazione  e per un anno di corso) €  24.140,00

CONTESTO DEL PROGETTO La sede di Harambèe Together for Development Organization NGO è situata in una zona centrale della città di Nanyuki. Il lotto del terreno si sviluppa per una superficie complessiva di 2200 mq circa, di cui 500 mq coperti ed utilizzati a workshop, magazzini, uffici e tettoia. La restante superficie è adibita a cortile, strade di accesso e parcheggi, orto sperimentale, vasche dimostrative per la raccolta dell’acqua . La sede è aperta ai visitatori che dalla apertura del progetto Harambèè hanno raggiunto il numero di circa 1200 provenienti da diverse parti del Kenya. Harambèe Italia ha nei suoi programmi, al primo posto,  la “Istituzione di una scuola dei mestieri per la formazione degli artigiani” Nel workshop di Nanyuki sono ormai presenti attrezzature per i laboratori di falegnameria, fabbro e muratori. Gli uffici hanno tre stanze più l’ingresso ed un  salone polivalente da usare come sala riunioni o aula scolastica. In attesa di partire con il progetto della scuola, si è iniziato a preparare alcuni ragazzi sulla falegnameria, e sull’arte del fabbro e del muratore. Costoro saranno i futuri istruttori pratici della Scuola “Keita Tecnical Training Centre”  I muratori  preparati in questo periodo propedeutico, sono in grado di eseguire le operazioni ed i lavori basilari  importanti per la costruzione edile; si sono già gettate le basi per la partenza di una scuola del tipo “Learning by doing” Il centro ha tutte le caratteristiche di idoneità per l’avvio del corso dei tecnici edili. Questo corso avrà la durata di due anni , undici mesi all’anno ed otto ore al giorno, escluso il sabato in cui si faranno solo quattro ore. Il corso sarà pratico e teorico Le ore per la teoria saranno dodici alla settimana, mentre quelle per la pratica saranno trentadue, svolte direttamente nel cantiere scuola e seguiti da un istruttore locale e da volontari italiani che si avvicenderanno a supporto dell’istruttore kenyano. Perché un corso per tecnici edili di due anni a Nanyuki ? Il Kenya è un paese in rapido sviluppo demografico ed economico. Questo sviluppo si realizza nella capitale e nelle principali città del paese. Mancano case per la popolazione e per fronteggiare la migrazione dalle campagne alla città anche a Nanyuki, la capitale del distretto di Laikipia che è un polo produttivo agricolo tra i più importanti ed in rapido sviluppo. Le costruzioni sono affidate ad artigiani muratori (fundi) che hanno acquisito esperienza in qualche opera ma sono carenti sotto l’aspetto delle conoscenze tecniche e delle tecnologie più moderne ed efficaci. Sono dei muratori praticoni che gestiscono piccole imprese assoldando manovalanza generica e spesso non sanno gestire un cantiere ed il buon fine di un opera edile. Le scuole tecniche sono poche e  lontane perché è molto costoso investire in attrezzature e laboratori per preparare maestranze che quasi sempre poi preferiscono emigrare e cercare lavoro in capitale. L’esperienza di scuole professionali antiche in Italia che legavano un corso teorico di due anni  alla pratica di cantiere nei periodi estivi hanno suggerito di proporre a Nanyuki questo tipo di progetto per supplire ad una carenza ed alla urgenza di immettere nel mondo del lavoro giovani con una base culturale acquisita ed in grado di recepire e valorizzare nuove nozioni e tecniche edili moderne.

 

OBIETTIVI DEL PROGETTO –   Istituire una scuola professionale per la formazione di tecnici edili qualificati, molto richiesti dal       contesto di sviluppo nella città di Nanyuki. –   L’iniziativa permetterà di promuovere sviluppo attraverso un miglior utilizzo delle risorse e delle     infrastrutture, incrementando la cultura dell’organizzazione del lavoro del risparmio, impiegando    e razionalizzando materiali per la costruzione. –   Lottare contro la povertà con nuove opportunità di lavoro, in quanto la vera lotta contro la     povertà si fa creando opportunità  di lavoro –   Harambée ha individuato nei mestieri dell’artigianato un’opportunità concreta di lavoro che può      produrre ricchezza e moltiplicare gli addetti –  Creare la cultura della manutenzione. Con la formazione degli artigiani, Harambée può far    crescere la cultura dell’utilizzo dell’esistente e diminuire in questo modo gli sprechi –  Trasmettere esperienza per aiutare lo sviluppo Questo progetto si prefigge di aiutare e     preparare giovani artigiani a diventare “Imprenditori del loro Sviluppo” Questi sono giovani capaci, intelligenti che cercano istruzione e formazione per diventare buoni tecnici artigiani. Questo progetto per il corso dei muratori è rivolto a giovani provenienti dalla Secondary School e che vivono  nella città di Nanyuki Dopo un colloquio verranno ammessi nel numero di sei per ogni corso. Il corso durerà due anni. All’inizio del secondo anno, altri sei ragazzi entreranno nella scuola con l’avvio del secondo corso Per cui, alla fine del secondo anno verranno licenziati sei  ragazzi con la qualifica di tecnici edili e di seguito ogni anno verranno licenziati sei ragazzi specializzati L’obiettivo finale è la formazione  di sei ragazzi specializzati ogni anno.

 

ATTUAZIONE DEL  PROGETTO Il progetto sarà avviato a partire dal mese di gennaio 2014 e l’anno scolastico si concluderà il 20 dicembre 2014 dello stesso anno , per poi procedere con il secondo anno di corso a partire dal mese di gennaio 2015, secondo il seguente diagramma

Diagramma corsi

ANNO 1°   PRIMO CORSO 2014 Genn –  Febbr – Marzo – Aprile- Maggio  Giugno – Luglio –  Agosto- Settembre –ottobre – novembre – dicembre    Gli orari e le presenze seguiranno un percorso continuativo con le sole interruzioni dovute alle festività di Natale, dalla vigilia fino al giorno successivo all’Epifania; festività Pasquali, a partire dal giovedì precedente la Pasqua fino al mercoledì successivo; una settimana di riposo a cavallo tra giugno e luglio; dieci giorni di riposo al termine del corso del primo anno Il secondo anno del 1° corso avrà le stesse interruzioni, ad eccezione degli ultimi dieci giorni di settembre, che verranno utilizzati per l’esame finale.

RISULTATI ATTESI In linea con gli obiettivi del progetto di cui sopra, i risultati si possono riassumere come segue: il progetto realizza  un sistema di formazione tecnica per muratori qualificati, con sede in Nanyuki ma aperto a studenti provenienti dal Distretto di Laikipia. Questo corso, della durata di anni due, si caratterizza dall’essere non solo una “scuola” in senso stretto, ma bensì un vero e proprio “sistema di formazione” . Nei primi due anni di attività la scuola formerà sei artigiani ed altri sei saranno in corso di formazione. Successivamente di pari passo ed in base ai possibili finanziamenti , è prevista l’attivazione di altri corsi professionali, quali: falegnameria, idraulica, fabbro ed elettricista. Ai corsi professionali, nel corso del secondo anno saranno affiancati corsi di economia, diritto e tecnica delle costruzioni. I corsi saranno destinati a studenti di ambo i sessi, anche se la professione di muratore si addice principalmente al sesso maschile. Terminato il ciclo dei due anni di formazione i licenziati verranno accompagnati dalla scuola all’ avvio di proprie attività. I migliori verranno trattenuti nella scuola come istruttori. In merito alla gestione didattica, la metodologia adottata è quella del “Learning by Doing” per i corsi professionali che costituiscono la parte preponderante  del ciclo formativo, mentre le altre discipline saranno affrontate  con il metodo frontale. Le lezioni pratiche e frontali impegneranno gli allievi otto ore al giorno, dal lunedì al venerdì e quattro ore il sabato, per dodici mesi all’anno ad eccezione delle pause per le festività innanzi descritte nell’attuazione del progetto e le festività nazionali dello stato del Kenya. La “Scuola dei muratori” sarà aperta agli studenti che avranno conseguito il quarto anno della Secondary School nei distretti di Laikipia , previo un esame di ammissione che valuterà l’attitudine e la motivazione dei candidati alla professione di tecnico edile (fundi in lingua locale). Al termine del secondo anno di corso, previo esame, sarà rilasciato l’attestato di formazione riconosciuto dal Ministero del Lavoro del Kenya e agli studenti ritenuti più brillanti e meritevoli potrà essere proposto di entrare nel corpo dei docenti istruttori. A tale scopo verrà predisposto un corso di formazione per i formatori, così  da creare un corpo di insegnanti locali in grado di condurre, in futuro, i corsi in piena autonomia

  •  fornitura degli strumenti ed attrezzi necessari alla formazione
  •  equipaggiamento del work shop (laboratorio) e dell’aula scolastica con gli adeguati arredi e banchi
  •  reclutamento degli insegnanti locali, degli artigiani espatriati volontari, degli addetti alla segreteria e servizi scolastici
  • fornitura dei supporti didattici
  •  produzione di beni ed erogazione di servizi a terzi durante il percorso didattico, per contribuire al finanziamento della scuola
  •  realizzazione di pubblicazioni e materiale divulgativo

CONTROLLO E VALUTAZIONE DEL PROGETTO Il progetto sarà oggetto di monitoraggio periodico da Harambèe – Insieme per lo Sviluppo Italia, in collaborazione con il team degli insegnanti e del responsabile del progetto (Charman of Harambée NGO Kenya) Sono previste delle missioni di valutazione e programmazione dell’attività futura. Sono già attivi sistemi di monitoraggio delle attività di Harambee NGO Kenya che verranno applicati ed adattati alla scuola dei muratori con rapporti regolari, incontri tra i responsabili, i docenti ed i ragazzi. La Valutazione sarà partecipata. Il rapporto di fine corso sarà integrato dai risultati di opportuni indici di valutazione e monitoraggio dei corsi.

SOSTENIBILITA’ DEL PROGETTO Il progetto trova la sua sostenibilità economica finanziaria da:

  • Quota degli allievi (school fees)
  • Lavori presso terzi per l’edificazione di piccoli fabbricati delle comunità
  • Vendita manufatti (blocchi in cemento e pali in cemento per recinzione)
  • Harambée Italia  con “Found Raising”
  • Harambée Italia con quota 5 per mille
  • Harambée Kenya con fondi provenienti da donazioni private per servizi di consulenza
  • Quota 8 per mille della Chiesa Valdese
  • Privati sostenitori

La sostenibilità tecnologica dell’iniziativa è garantita dalla reperibilità in loco dei materiali e delle attrezzature e non vi è dipendenza dall’estero per le forniture. Le tecnologie usate sono appropriate al luogo ed alle esigenze migliorando qualità e resa di quanto già in uso.

AUDIT DEL BILANCIO E RELAZIONI Harambée –Insieme per lo Sviluppo ONLUS Italia sarà responsabile della rendicontazione delle spese presentate da Harambée Together for Development NGO Kenya. Il progetto avrà una specifica contabilità ed un suo specifico  bilancio con l’imputazione delle spese e dei ricavi.

 

Harambee ha inoltre progettato un dormitorio/refettorio da costruire nel proprio terreno, a Nyariginu (vd. progetto Nyariginu), che sarà destinato ad ospitare i ragazzi della Keita Secondary School per muratori, provenienti da villaggi lontani, impossibilitati a rincasare dopo le lezioni.

L’edificio, costruito con il contributo del RotarAct di Torino, Harambee Italia e Harambee Kenya, sarà realizzato dalla Scuola Muratori, per quanto concerne la struttura, dalla Scuola Carpentieri e Falegnami per quanto riguarda i serramenti e avrà la capacità di ospitare 28/30 persone nel locale refettorio e 16 nel dormitorio. Disporrà inoltre di 2 ulteriori stanze per gli ospiti, 1 per il professore di turno per la vigilanza notturna ed un locale adibito a biblioteca.

Verranno, naturalmente, impiegati per la costruzione:

  • mattoni in terra crudi

  • blocchi in cemento

  • pietra locale estratta dagli scavi

Ecco i disegni relativi al dormitorio/refettorio

 

ground floor 0002 ground floor0001 est and west side0002 est and west side0001

 GRAZIE AL VOSTRO CONTRIBUTO,

INSIEME,

POTREMO REALIZZARE QUESTO

E MOLTI ALTRI PROGETTI

!!!

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento