Author Archives: adriana

Untitled

Anche quest’anno  ci riuniamo per l’Assemblea Ordinaria dei soci di Harambee per l’analisi e l’approvazione del bilancio anno 2017

e per la nomina del Consiglio di Amministrazione per i prossimi tre anni. Nel dare il benvenuto ai soci vorrei ringraziarli per essere intervenuti e vorrei ringraziare anche coloro che non sono presenti ma continuano a manifestare segni concreti di interesse per la missione di Harambee  in Kenya.
In un periodo di difficoltà e di crisi non solo economica ma di gestione dei problemi legati alla testimonianza dei valori della cooperazione, della solidarietà, dell’accoglienza e della fratellanza nelle scelte operative di chi ci governa, siamo chiamati in causa singolarmente ed attraverso l’operato delle associazioni come Harambee.  Di fronte alla tentazione di gettare la spugna e chiudere l’Associazione, sapere che godiamo della considerazione, dell’approvazione e del sostegno dei soci ci conforta nelle scelte fatte e nell’attività che impegna in particolare Domenico ed i suoi collaboratori in Kenya.
La missione di Harambee è quanto mai attuale e profetica, efficace e vincente: aiutare nel loro paese quanti vogliono svilupparlo con l’esperienza e le conoscenze acquisite è vera cooperazione, vera solidarietà e fratellanza.
Domenico ci racconta di persone interessate, stimolate a progredire, ad investire risorse e fatiche nel migliorare le opportunità di crescita e di sviluppo nella terra dei loro avi, nel luogo dei loro affetti e nel futuro del loro paese. Sono persone che meritano rispetto e sostegno.
Purtroppo forme di egoismo nazionale e personale hanno portato l’Europa a credere che il proprio benessere può durare in eterno ed è da proteggere con porte chiuse  ed alzando muri, dimenticando che anche le leggi economiche premiano le relazioni, la dinamicità, il rischio, gli investimenti e le sfide là dove si può e deve intervenire.
Solo la politica del dare permette di ricevere, di sviluppare collaborazione e sperare nella restituzione attraverso l’apertura di scambi e di opportunità nuove a mutuo vantaggio.
Il primo ruolo attivo per poter attuare è favorire la pace e la pace viene dalla giustizia, dal rispetto, dalla tolleranza e dalla ricerca del bene comune, dalla collaborazione.
Il risultato dell’ingiustizia e dell’egoismo è il confronto, la lotta, la guerra con distruzione e sofferenza e quindi esodo e odio di generazioni.
Harambee vive in questo tempo e afferma con forza che c’è la possibilità di porre rimedio alla logica della distruzione e del male con la logica della cooperazione e dello sviluppo, della speranza
in un futuro migliore.
A Nanyuki Domenico ci racconta che tutto procede regolarmente grazie al direttivo locale, al personale motivato ed ai risultati della gestione degli ultimi mesi che evidenzia un sostanziale pareggio tra spese correnti ed i ricavi. Le ong in Kenya devono presentare il bilancio annuale e tenere la contabilità.
Buona la collaborazione con il parroco della città impegnato nella realizzazione del centro per anziani a cui viene data assistenza tecnica e materiali per la costruzione da parte di Harambee.
Al Centro continuano le visite dei Gruppi e di privati interessati all’attività di formazione e produzione. Specie nel settore dell’Apicoltura si ricevono richieste per caccia box ed arnie.
Per completare la costruzione di Nyariginu ci vogliono ancora il soffitto e l’impianto elettrico per un costo circa 5000 Euro.
Per tale spesa si spera di avere ancora il contributo della Chiesa Valdese e del Rotary.
Coraggio dunque e tutti noi stiamo vicini a Domenico per quanto possiamo.
I dati del bilancio dicono ai soci di Harambee che  dobbiamo investire ed osare di più.
Vi ringrazio anche per la fiducia accordata al Consiglio di Amministrazione in carica che termina il suo mandato e che si rende disponibile ad un rinnovo come segno concreto di sostegno alla missione di Harambee in Kenya.

Il Presidente
Ramasco Vittor Piergiovanni

INVIO CONTAINER IN KENYA

Il 14/10/2014 Harambee Italia ha inviato a proprie spese attrezzatura e macchinari, in parte donati da benefattori ed in parte acquistati dalla stessa associazione, alla Harambee Kenya di Nanyuki.

L’elenco delle attrezzature è il seguente:

  • 1 Vibromobile usata elettrica automatica della SACME modello B40/20 per lo stampaggio di blocchi in cemento
  • 5 Stampi usati per blocchi in cemento cavi 8/20 – 12/20 – 15/20 – 20/20 – 25/20
  • 1 Sega circolare 200 volt nuova
  • 1 vibratore per calcestruzzo nuovo
  • 1 fotocopiatrice a laser OKI nuova
  • 190 arcarecci in legno cm 5X7 lunghezza m 4
  • 1 montacarico elettrico a cavalletto usato
  • 1 montacarico elettrico a bandiera usato
  • 2 frese TOOPIE usate per la lavorazione del legno con relativi utensili
  • 1 pressa elettrica per stampaggio legno usata
  • 1 tornio per ferro usato con utensili ed accessori
  • 300 vetri tagliati per finestre NACO per il nuovo dormitorio con relativi montanti
  • 1 incudine da kg 80 usata
  • 1 compressore elettrico da l 200
  • 5 scrivanie per la scuola
  • 1 banco da lavoro per fabbro in ferro
  • 1 levigatrice per legno usata
  • 8 righe di alluminio per intonaco usate
  • cavalletti per ponteggi usati
  • kg 200 di cavi elettrici per l’impianto del dormitorio
  • puntelli in ferro per muratori
  • 1 aspirapolvere usato
  • 1 forgia da fabbro usata
  • piatti e stoviglie per il dormitorio e refettorio
  • vestiti vari per bambini da 4 a 16 anni
  • m 10 di scaffali per magazzino
  • 1 idropulitrice
  • mq 240 piastrelle per pavimentazione del nuovo fabbricato della scuola

Il costo per il trasporto sostenuto dall’associazione è di circa € 6.000,00 escluse le tasse.

Si ringraziano tutti i collaboratori e quanti hanno donato queste attrezzature e macchinari.

Voto medio  1 2 3 4 5fDevi effettuare il login per votare
harambee container 005.JPG
harambee container 008.JPG
harambee container 012.JPG
harambee container 017.JPG
harambee container 030.JPG
harambee container 033.JPG
DSC06044.JPG
DSC06045.JPG
DSC06050.JPG
DSC06054.JPG
DSC06055.JPG
DSC06058.JPG
DSC06059.JPG
DSC06060.JPG
DSC06062.JPG
DSC06063.JPG
DSC06065.JPG
DSC06066.JPG
harambee container 005.JPG
harambee container 008.JPG
harambee container 012.JPG
harambee container 017.JPG
harambee container 030.JPG
harambee container 033.JPG
DSC06044.JPG
DSC06045.JPG
DSC06050.JPG
DSC06054.JPG
DSC06055.JPG
DSC06058.JPG

Progetto invio attrezzatura

Titolo del progetto: “Invio attrezzatura per i laboratori di Falegnameria, Fabbro, Muratore, Idraulico” 

Visti i numerosi progetti in studio e in corso e data la generosità di alcuni donatori italiani in data 6 gennaio 2009 è stato inviato un primo container di attrezzature in Kenya.

Il 4 ottobre dello stesso anno è stato inviato il secondo.

Questa attrezzatura, composta prevalentemente da macchinari per falegnami, muratori e fabbri,  è stata raccolta dai volontari di Harambée Italia e offerta dai donatori che hanno creduto nella validità delle iniziative di Harambée.

Un altro container sarebbe pronto per la spedizione, ma Harambée, purtroppo , non ha a disposizione la somma di denaro necessaria, dato che i costi di tale spedizione, dall’Italia, ammontano a 8’000€.

Confidiamo, pertanto, in numerose donazioni future, che ci permettano di raggiungere, al più presto, questo obiettivo

Stiamo preparando un container da 20 piedi da inviare in Kenya, con attrezzatura per muratori e falegnami, donate da imprese artigiane del settore.
Tra queste attrezzature ci sarà una blocchiera vibromobile automatica per la costruzione di blocchi in cemento.
Questa macchina verrò impiegata da Harambee Kenya per tutte le costruzioni che verranno eseguite per l’addestramento pratico dei ragazzi della scuola muratori.
Gli stampi a corredo della macchina sono 5 per le varie dimensioni dei blocchi e più precisamente per gli spessori di 8-12-15-20 e 25 cm. L’impiego di questi blocchi abbasserà molto il costo di costruzione delle case, in particolare per le zone rurali ed evitare l’impiego del legname e di conseguenza l’abbattimento delle piante.

macchina vibromobile

Progetto Costituzione di un’associazione riconosciuta in Kenya

Harambée Insieme per lo Sviluppo ONLUS, al fine di avere una controparte locale, per il controllo diretto e la gestione dei progetti, ha fondato un’associazione omonima in Kenya, dotata di un proprio Statuto e di un proprio organo direttivo. Il nome di questa associazione è Harambée Together for Development Organization NGO,  riconosciuta dal Governo del Kenya in data 17 settembre 2009 e registrata al  n° OP218/051/2009/0298/5941. 

Ha iniziato la sua attività dal 3 febbraio 2010 e, da allora, fornisce consulenza ai gruppi autogestiti, alle cooperative, alle scuole primarie e secondarie ed ai privati, sulle numerose attività  del Workshop, l’orto sperimentale, ecc., in corso presso le sede Harambée di Nanyuki, Kieni Road, P.O BOX 327I

Il Direttivo dell’Associazione è composto da membri dell’Associazione italiana e cittadini Kenyani.

I Soci Fondatori sono:

 Domenico Aimar (Chairman)
 Giancarlo Burdese (Secretary)
 Ramesh Gichuhi Gathogo (Treasurer)

 

Attualmente, in seguito alla morte improvvisa del Dott. Burdese Giancarlo, il Comitato Direttivo è stato ampliato ed i nuovi membri sono:

Domenico Aimar (Chairman)
Francis  Kinywa Hezron (Secretary)
Ramesh Gichuhi Gathogo (Treasurer)
Lydia Nguta Mbwiria (Member)
David Mutwiri Kirimi (Member)

 

 L’associazione Harambée Together for Development Organization NGO ha preso in carico tutta l’attrezzatura inviata da Harambée Italia, dando vita ai laboratori di Falegnameria, Fabbro, Muratore e Giardiniere. Con tali attrezzature e, soprattutto, grazie alle competenze dei volontari di Harambée Italia, si è formato un personale, assunto stabilmente, composto da:

1 Falegname, 1 Fabbro, 1 Giardiniere, 1 Muratore e 1 Cuoco

I membri del personale fungono, a loro volta, da formatori per tutti coloro che richiedano le consulenze dell’Associazione, a livello materiale o di know-how, proseguendo così la mission di Harambée.

L’organico attuale di Harambée Together for Development Organization NGO è quindi composto da:

Jhon Maina FALEGNAME
Peter Mwangi MURATORE
George Macharia GIARDINIERE
Pauline Wanjiku  SEGRETARIA
Stephen Longewa GUARDIANO
Peter Maina APPRENDISTA FALEGNAME
Mary Mothoni CUOCA

 

Per tenersi aggiornati sulle attività in loco, è sufficiente consultare il sito www.harambeetogetherfordevelopment-kenya.com

Progetto Scuola dei Mestieri

Titolo del progetto: “Istituzione e realizzazione di una Scuola dei mestieri per la formazione di artigiani in Kenya”

Scheda di progetto:

Ente realizzatore: Harambee Insieme per lo Sviluppo Onlus-Ong

Ente Promotore: Provincia di Cuneo

Controparte locale: Nanyuki Youth Polytechnic

Ente Cofinanziatore: Ministero degli Affari Esteri, Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo (DGCS)

Area di intervento: Kenya, città di Nanyuki e Distretto di Laikipia

Durata prevista: 3 anni

Beneficiari diretti: 90 studenti, 10 docenti locali

Confidiamo nel fatto che l’Amministrazione della Provincia di Cuneo possa porre fine alla fase di stallo, presso il MAE, di questo progetto da essa stessa promosso;

chiediamo ad ognuno dei lettori, politici e non, di sostenere un progetto così importante, ma, soprattutto, realizzabile fin da subito grazie alle competenze della nostra Associazione.

 

Se qualche Istituzione (Comune o Provincia) decidesse di partecipare al progetto, può mettersi in contatto con la Nostra Associazione per avere tutte le informazioni necessarie per collaborare con Noi.

 

Progetto Scuola Professionale per Muratori

Titolo del progetto: “Keita technical training centre, Scuola Professionale per la formazione di tecnici edili (KE = Kenya; ITA = Italia)”

Ente proponente: Harambee Insieme per lo Sviluppo ONLUS

Partner del progetto: Harambee Together for Development Organization NGO

Istituzioni locali partecipanti al progetto: Municipalità di Nanyuki – Ministero dello Jouth Affaire – Jouth Polytecnic di Nanyuki

Settore: Il progetto è inserito nel settore formativo con impatto diretto nel settore economico, industriale, artigiano, agricolo e della costruzione

OBIETTIVI GENERALI Promuovere lo sviluppo socio-economico formando giovani artigiani dando le conoscenze necessarie a garantire una buona specializzazione nella scienza delle costruzioni, sia sul profilo teorico che su quello pratico con il metodo  “Learning by doing”

OBIETTIVI SPECIFICI Formare sei  giovani tecnici edili qualificati ogni anno, da inserire nel mondo del lavoro con capacità tecniche e gestionali per cantieri edili

RESPONSABILE DEL PROGETTO Domenico Aimar (geometra, libero professionista in pensione, con esperienza nel campo del volontariato fin dal 1975 in Africa e America Latina)

DATA INIZIO PROGETTO Gennaio 2014

DATA CONCLUSIONE DEL PRIMO CORSO SCOLASTICO Dicembre 2015

DURATA DEL PROGETTO Anni due

COSTO  DEL PROGETTO  (per avvio della scuola di specializzazione  e per un anno di corso) €  24.140,00

CONTESTO DEL PROGETTO La sede di Harambèe Together for Development Organization NGO è situata in una zona centrale della città di Nanyuki. Il lotto del terreno si sviluppa per una superficie complessiva di 2200 mq circa, di cui 500 mq coperti ed utilizzati a workshop, magazzini, uffici e tettoia. La restante superficie è adibita a cortile, strade di accesso e parcheggi, orto sperimentale, vasche dimostrative per la raccolta dell’acqua . La sede è aperta ai visitatori che dalla apertura del progetto Harambèè hanno raggiunto il numero di circa 1200 provenienti da diverse parti del Kenya. Harambèe Italia ha nei suoi programmi, al primo posto,  la “Istituzione di una scuola dei mestieri per la formazione degli artigiani” Nel workshop di Nanyuki sono ormai presenti attrezzature per i laboratori di falegnameria, fabbro e muratori. Gli uffici hanno tre stanze più l’ingresso ed un  salone polivalente da usare come sala riunioni o aula scolastica. In attesa di partire con il progetto della scuola, si è iniziato a preparare alcuni ragazzi sulla falegnameria, e sull’arte del fabbro e del muratore. Costoro saranno i futuri istruttori pratici della Scuola “Keita Tecnical Training Centre”  I muratori  preparati in questo periodo propedeutico, sono in grado di eseguire le operazioni ed i lavori basilari  importanti per la costruzione edile; si sono già gettate le basi per la partenza di una scuola del tipo “Learning by doing” Il centro ha tutte le caratteristiche di idoneità per l’avvio del corso dei tecnici edili. Questo corso avrà la durata di due anni , undici mesi all’anno ed otto ore al giorno, escluso il sabato in cui si faranno solo quattro ore. Il corso sarà pratico e teorico Le ore per la teoria saranno dodici alla settimana, mentre quelle per la pratica saranno trentadue, svolte direttamente nel cantiere scuola e seguiti da un istruttore locale e da volontari italiani che si avvicenderanno a supporto dell’istruttore kenyano. Perché un corso per tecnici edili di due anni a Nanyuki ? Il Kenya è un paese in rapido sviluppo demografico ed economico. Questo sviluppo si realizza nella capitale e nelle principali città del paese. Mancano case per la popolazione e per fronteggiare la migrazione dalle campagne alla città anche a Nanyuki, la capitale del distretto di Laikipia che è un polo produttivo agricolo tra i più importanti ed in rapido sviluppo. Le costruzioni sono affidate ad artigiani muratori (fundi) che hanno acquisito esperienza in qualche opera ma sono carenti sotto l’aspetto delle conoscenze tecniche e delle tecnologie più moderne ed efficaci. Sono dei muratori praticoni che gestiscono piccole imprese assoldando manovalanza generica e spesso non sanno gestire un cantiere ed il buon fine di un opera edile. Le scuole tecniche sono poche e  lontane perché è molto costoso investire in attrezzature e laboratori per preparare maestranze che quasi sempre poi preferiscono emigrare e cercare lavoro in capitale. L’esperienza di scuole professionali antiche in Italia che legavano un corso teorico di due anni  alla pratica di cantiere nei periodi estivi hanno suggerito di proporre a Nanyuki questo tipo di progetto per supplire ad una carenza ed alla urgenza di immettere nel mondo del lavoro giovani con una base culturale acquisita ed in grado di recepire e valorizzare nuove nozioni e tecniche edili moderne.

 

OBIETTIVI DEL PROGETTO –   Istituire una scuola professionale per la formazione di tecnici edili qualificati, molto richiesti dal       contesto di sviluppo nella città di Nanyuki. –   L’iniziativa permetterà di promuovere sviluppo attraverso un miglior utilizzo delle risorse e delle     infrastrutture, incrementando la cultura dell’organizzazione del lavoro del risparmio, impiegando    e razionalizzando materiali per la costruzione. –   Lottare contro la povertà con nuove opportunità di lavoro, in quanto la vera lotta contro la     povertà si fa creando opportunità  di lavoro –   Harambée ha individuato nei mestieri dell’artigianato un’opportunità concreta di lavoro che può      produrre ricchezza e moltiplicare gli addetti –  Creare la cultura della manutenzione. Con la formazione degli artigiani, Harambée può far    crescere la cultura dell’utilizzo dell’esistente e diminuire in questo modo gli sprechi –  Trasmettere esperienza per aiutare lo sviluppo Questo progetto si prefigge di aiutare e     preparare giovani artigiani a diventare “Imprenditori del loro Sviluppo” Questi sono giovani capaci, intelligenti che cercano istruzione e formazione per diventare buoni tecnici artigiani. Questo progetto per il corso dei muratori è rivolto a giovani provenienti dalla Secondary School e che vivono  nella città di Nanyuki Dopo un colloquio verranno ammessi nel numero di sei per ogni corso. Il corso durerà due anni. All’inizio del secondo anno, altri sei ragazzi entreranno nella scuola con l’avvio del secondo corso Per cui, alla fine del secondo anno verranno licenziati sei  ragazzi con la qualifica di tecnici edili e di seguito ogni anno verranno licenziati sei ragazzi specializzati L’obiettivo finale è la formazione  di sei ragazzi specializzati ogni anno.

 

ATTUAZIONE DEL  PROGETTO Il progetto sarà avviato a partire dal mese di gennaio 2014 e l’anno scolastico si concluderà il 20 dicembre 2014 dello stesso anno , per poi procedere con il secondo anno di corso a partire dal mese di gennaio 2015, secondo il seguente diagramma

Diagramma corsi

ANNO 1°   PRIMO CORSO 2014 Genn –  Febbr – Marzo – Aprile- Maggio  Giugno – Luglio –  Agosto- Settembre –ottobre – novembre – dicembre    Gli orari e le presenze seguiranno un percorso continuativo con le sole interruzioni dovute alle festività di Natale, dalla vigilia fino al giorno successivo all’Epifania; festività Pasquali, a partire dal giovedì precedente la Pasqua fino al mercoledì successivo; una settimana di riposo a cavallo tra giugno e luglio; dieci giorni di riposo al termine del corso del primo anno Il secondo anno del 1° corso avrà le stesse interruzioni, ad eccezione degli ultimi dieci giorni di settembre, che verranno utilizzati per l’esame finale.

RISULTATI ATTESI In linea con gli obiettivi del progetto di cui sopra, i risultati si possono riassumere come segue: il progetto realizza  un sistema di formazione tecnica per muratori qualificati, con sede in Nanyuki ma aperto a studenti provenienti dal Distretto di Laikipia. Questo corso, della durata di anni due, si caratterizza dall’essere non solo una “scuola” in senso stretto, ma bensì un vero e proprio “sistema di formazione” . Nei primi due anni di attività la scuola formerà sei artigiani ed altri sei saranno in corso di formazione. Successivamente di pari passo ed in base ai possibili finanziamenti , è prevista l’attivazione di altri corsi professionali, quali: falegnameria, idraulica, fabbro ed elettricista. Ai corsi professionali, nel corso del secondo anno saranno affiancati corsi di economia, diritto e tecnica delle costruzioni. I corsi saranno destinati a studenti di ambo i sessi, anche se la professione di muratore si addice principalmente al sesso maschile. Terminato il ciclo dei due anni di formazione i licenziati verranno accompagnati dalla scuola all’ avvio di proprie attività. I migliori verranno trattenuti nella scuola come istruttori. In merito alla gestione didattica, la metodologia adottata è quella del “Learning by Doing” per i corsi professionali che costituiscono la parte preponderante  del ciclo formativo, mentre le altre discipline saranno affrontate  con il metodo frontale. Le lezioni pratiche e frontali impegneranno gli allievi otto ore al giorno, dal lunedì al venerdì e quattro ore il sabato, per dodici mesi all’anno ad eccezione delle pause per le festività innanzi descritte nell’attuazione del progetto e le festività nazionali dello stato del Kenya. La “Scuola dei muratori” sarà aperta agli studenti che avranno conseguito il quarto anno della Secondary School nei distretti di Laikipia , previo un esame di ammissione che valuterà l’attitudine e la motivazione dei candidati alla professione di tecnico edile (fundi in lingua locale). Al termine del secondo anno di corso, previo esame, sarà rilasciato l’attestato di formazione riconosciuto dal Ministero del Lavoro del Kenya e agli studenti ritenuti più brillanti e meritevoli potrà essere proposto di entrare nel corpo dei docenti istruttori. A tale scopo verrà predisposto un corso di formazione per i formatori, così  da creare un corpo di insegnanti locali in grado di condurre, in futuro, i corsi in piena autonomia

  •  fornitura degli strumenti ed attrezzi necessari alla formazione
  •  equipaggiamento del work shop (laboratorio) e dell’aula scolastica con gli adeguati arredi e banchi
  •  reclutamento degli insegnanti locali, degli artigiani espatriati volontari, degli addetti alla segreteria e servizi scolastici
  • fornitura dei supporti didattici
  •  produzione di beni ed erogazione di servizi a terzi durante il percorso didattico, per contribuire al finanziamento della scuola
  •  realizzazione di pubblicazioni e materiale divulgativo

CONTROLLO E VALUTAZIONE DEL PROGETTO Il progetto sarà oggetto di monitoraggio periodico da Harambèe – Insieme per lo Sviluppo Italia, in collaborazione con il team degli insegnanti e del responsabile del progetto (Charman of Harambée NGO Kenya) Sono previste delle missioni di valutazione e programmazione dell’attività futura. Sono già attivi sistemi di monitoraggio delle attività di Harambee NGO Kenya che verranno applicati ed adattati alla scuola dei muratori con rapporti regolari, incontri tra i responsabili, i docenti ed i ragazzi. La Valutazione sarà partecipata. Il rapporto di fine corso sarà integrato dai risultati di opportuni indici di valutazione e monitoraggio dei corsi.

SOSTENIBILITA’ DEL PROGETTO Il progetto trova la sua sostenibilità economica finanziaria da:

  • Quota degli allievi (school fees)
  • Lavori presso terzi per l’edificazione di piccoli fabbricati delle comunità
  • Vendita manufatti (blocchi in cemento e pali in cemento per recinzione)
  • Harambée Italia  con “Found Raising”
  • Harambée Italia con quota 5 per mille
  • Harambée Kenya con fondi provenienti da donazioni private per servizi di consulenza
  • Quota 8 per mille della Chiesa Valdese
  • Privati sostenitori

La sostenibilità tecnologica dell’iniziativa è garantita dalla reperibilità in loco dei materiali e delle attrezzature e non vi è dipendenza dall’estero per le forniture. Le tecnologie usate sono appropriate al luogo ed alle esigenze migliorando qualità e resa di quanto già in uso.

AUDIT DEL BILANCIO E RELAZIONI Harambée –Insieme per lo Sviluppo ONLUS Italia sarà responsabile della rendicontazione delle spese presentate da Harambée Together for Development NGO Kenya. Il progetto avrà una specifica contabilità ed un suo specifico  bilancio con l’imputazione delle spese e dei ricavi.

 

Harambee ha inoltre progettato un dormitorio/refettorio da costruire nel proprio terreno, a Nyariginu (vd. progetto Nyariginu), che sarà destinato ad ospitare i ragazzi della Keita Secondary School per muratori, provenienti da villaggi lontani, impossibilitati a rincasare dopo le lezioni.

L’edificio, costruito con il contributo del RotarAct di Torino, Harambee Italia e Harambee Kenya, sarà realizzato dalla Scuola Muratori, per quanto concerne la struttura, dalla Scuola Carpentieri e Falegnami per quanto riguarda i serramenti e avrà la capacità di ospitare 28/30 persone nel locale refettorio e 16 nel dormitorio. Disporrà inoltre di 2 ulteriori stanze per gli ospiti, 1 per il professore di turno per la vigilanza notturna ed un locale adibito a biblioteca.

Verranno, naturalmente, impiegati per la costruzione:

  • mattoni in terra crudi

  • blocchi in cemento

  • pietra locale estratta dagli scavi

Ecco i disegni relativi al dormitorio/refettorio

 

ground floor 0002 ground floor0001 est and west side0002 est and west side0001

 GRAZIE AL VOSTRO CONTRIBUTO,

INSIEME,

POTREMO REALIZZARE QUESTO

E MOLTI ALTRI PROGETTI

!!!